Seleziona una pagina

Pino mugo siberiano

8,50

Categorie: ,

Descrizione

Olio essenziale purissimo professionale 10 ml.

Descrizione: Pino Mugo Siberiano: Olio essenziale purissimo professionale…

Scheda Tecnica
• Nome volgare: Pino Mugo Siberiano
• Nome botanico: Pinus mugo
• Famiglia: Pinaceae
• Sinonimi e nomi stranieri: P. pumilio, pino montano, pino nano, umilio, mugòlio. Latschenkieferoel, dwarf pine needle oil, essence de pin mughus.

Costituenti principali:
Miscela di idrocarburi monoterpenici, (alfa e beta-pinene, limonene, delta-carene, beta-fellandrene), acetato di bornile.

Predominanza:
La sua forza ed energia, ma soprattutto la sua autonomia tipica maschile, esprimono bene la predominanza yang di questa pianta.

Nota:
La sua nota è di cuore. Annusandone l’aroma si viene immediatamente colpiti dalla sua permanenza nel nostro petto.

• Pianeta governatore: l pianeta di saturno governa questa essenza rendendola forte e determinata, signora del tempo e del ritmo cardiaco, garante della vita e della sua magia.

Chakra di riferimento:
Il 4° chakra si contende, vincendo, con il quinto il ruolo di preferito da questa forte essenza.

Aspetto fisico:
Il pino mugo è un alberello sempreverde, molto robusto che non raggiunge grandi dimensioni e che cresce spontaneo. Possiede una corteccia scura, aghi rigidi ed uncinati al fondo, raccolti in grappoli. La resa massima si ottiene in pieno inverno ed è minima nel mese di agosto, varia inoltre a seconda dell’età della pianta, ed è maggiore nelle piante giovani. L’esposizione al sole della pianta può influire considerevolmente sulla qualità dell’essenza che se ne ricava. Si tratta di una pianta protetta, per cui sono necessari speciali permessi per poterne ricavare l’essenza. Questo fatto, unito alla forte richiesta di olio essenziale, determinano una situazione di estrema diffusione di oli adulterati presenti sul mercato e contemporaneamente ha incrementato il costo delle essenze naturali e pure al 100%.

Provenienza:
Il pino mugo è originario delle zone alpine europee.
L’olio è prodotto soprattutto in Italia, nelle provincie di Bolzano e Belluno, in Austria, nella regione del Tirolo, in Germania, nella regione della Baviera, nella ex Jugoslavia ed in Svizzera.

Parti impiegate:
Gli aghi ed i rametti più sottili.

Metodi estrattivi:
L’olio essenziale di pino mugo si estrae per distillazione in corrente di vapore dai rami sminuzzati appena tolti dalla pianta. La migliore produzione si ottiene da essenze distillate sul posto. La resa si aggira tra lo 0,3 e lo 0,4%.

Caratteristiche:
Liquido mobile, limpido, volatile, incolore o leggermente giallo, con odore balsamico gradevole e caratteristico. Il sapore risulta amaro pungente ma appagante.

Conservazione:
Se ne consiglia la conservazione in bottiglie ben chiuse di vetro scuro, possibilmente verde, da tenere in luogo fresco, al riparo dalla luce.

Capacità di stimolo emozionale:
Il pino mugo cresce in alta montagna fra mille difficoltà. L’anima montana che è racchiusa in lui, ne esprime compiutamente la forza, l’energia, l’attaccamento alla vita. Il cuore, simbolo di tutto ciò, è la parte del nostro corpo che più impara da ciò che il suo aroma riesce a trasmettere. Ne deriva uno stimolo fisico ma soprattutto emotivo capace di aprirci agli altri mantenendo una sacra solidità incapace di indebolirci eccessivamente esponendoci a pericoli o delusioni.

Altri usi:
L’olio essenziale di pino mugo si utilizza in farmaceutica per la produzione di fiale inalatorie ed in altri prodotti per la cura dell’apparato respiratorio, in pomate antireumatiche e per il trattamento delle affezione cutanee. Si impiega anche in sciroppi o preparati utilizzati come tonici e stimolanti del sistema nervoso. Tra i più frequenti impieghi va rilevato quello della profumazione di spray per la casa, sali da bagno ed altri prodotti tecnici e cosmetici.

Precauzioni e controindicazioni all’uso:
L’olio essenziale di pino mugo è atossico, ma se usato sulla cute può essere irritante e sensibilizzante. Usare con moderazione. La sua capacità di irritare i reni, come gli oli estratti dalle altre conifere a causa della presenza della trementina, è ridotta, ma è bene fare comunque attenzione al suo smodato uso esterno via inalazioni. Non utilizzare in caso di affezioni respiratorie con spasmi in atto, come asma bronchiale e pertosse, in quanto può dare luogo a bronco-spasmo. Non utilizzare in caso di irritazioni aggravate della cute e delle mucose.

Annotazioni storico-culturali:
La sua conoscenza è limitata alla tradizione erboristica popolare delle zone montane dove cresce. Così viene utilizzato un ricavato dagli aghi per il trattamento di disturbi alla vescica e respiratori. Estratti alcolici si utilizzano per frizioni riscaldanti antireumatiche. Si usa anche aggiungerlo alla grappa come rimedio per i raffreddori e per fortificare il cuore.

Armonizzazioni con altri oli essenziali:
Cedro U.S.A., ginepro (bacche), rosmarino, salvia officinalis.

Contenuto Confezione:
Flacone  munito di dosatore contagocce

Bibliografia: Zuccari

Comparatore