Seleziona una pagina

Ylang Ylang Extra

12,50

Olio essenziale purissimo professionale 5 ml.

Scheda Tecnica
• Nome volgare: Ylang ylang Extra
• Nome botanico: Cananga Odorata
• Famiglia: Anonaceae
• Sinonimi e nomi stranieri: Unona odorata (forma genuina), bonga cananga, fiore dei fiori. Ylang-Ylang oel (ted.), oil of ylang-ylang (ingl.), essence d’ylang-ylang (fr.).

Costituenti principali:
Acetato di benzil, metil-paracresolo, germacrene, benzoato di metile e benzile, farnesene, cariofillene, acetato di geranile

Predominanza:
La predominanza è femminile, yin. Dopo averne annusato un campione, provate a sostenere in contrario!

Nota:
La suadenza e sensualità di questa articolata essenza ci colpisce visceralmente alla base del nostro corpo.

• Pianeta governatore: Gli effetti cosmetici dell’ylang ylang, la sua capacità di donare lucentezza ai nostri capelli ma soprattutto la sua componente afrodisiaca suggeriscono ampiamente come il pianeta che ne determina la vita sia venere.

Chakra di riferimento:
Il ventre, quella parte del corpo che ricorda quest’aroma, ne è anche la maggiormente influenzata. Proprio per questo si dice che questa essenza colpisca con più simpatia il 2° chakra.

Aspetto fisico:
Lo ylang ylang è una pianta di dimensioni imponenti che può raggiungere i 20 metri di altezza, viene però potata e mantenuta a 4 metri per facilitare il raccolto dei fiori. I fiori sono grandi, verdi e pelosi, hanno 6 petali ed il loro colore varia con il grado di maturità che raggiungono, da verde diventa giallo, gradatamente più carico. Questo è il momento balsamico di raccolta poiché coincide con il massimo contenuto in essenza. La pianta fiorisce per la prima volta all’età di un anno, ma i raccolti migliori si ottengono dopo 4-5 anni. A questa età una buona pianta può dare fino a 5 Kg di fiori, mentre una pianta di 10 anni arriva fino a 10-15 Kg. Il raccolto si effettua entro e non oltre le 9 del mattino, in quanto l’arrivo del sole causa un deterioramento della qualità del profumo. Il fiore viene distillato immediatamente sul posto.

Provenienza:
La pianta dell’ylang ylang è originaria dell’Asia tropicale. Esistono due varietà della stessa specie che si differenziano per la pregiatezza del profumo: l’unona onoratissima che vive in Asia meridionale, India, Giava, Madagascar, Filippine e la cananga odorata che vive a Reunion, Mauritius, Malesia, Molucche, Giava e Guadalupa. Gli stessi paesi sono anche i produttori dell’essenza, in quanto va distillata sul posto.

Parti impiegate:
I fiori.

Metodi estrattivi:
L’olio essenziale di ylang ylang si estrae mediante distillazione in corrente di vapore, ad acqua o fuoco diretto, a seconda del paese produttore. I fiori ancora freschi devono essere distillati nel giro di poche ore, la distillazione non dura più di 24 ore. Entro la prima ora si distilla la qualità “extra”, con una resa inferiore all’1%. Poi via via si producono le altre qualità, la I, la II e la III, le quali hanno una resa totale non superiore al 2%. Le varie qualità prodotte devono sottostare ai parametri fissati dal governo locale per potere essere classificate. In genere la “extra” e la I vengono vendute per un uso in profumeria, data la loro nota fine e di classe, le altre due si impiegano in altri usi. Di fatto non cambiano di molto i costituenti funzionali, la vera differenza è nella raffinatezza del profumo e nella energia dell’azione.

Caratteristiche:
L’olio essenziale è un liquido oleoso, limpido incolore o giallo-pallido, con odore intenso, balsamico e molto dolce.

Conservazione:
Se ne consiglia la conservazione in bottiglie ben chiuse di vetro scuro, possibilmente arancio, da tenere in luogo fresco, al riparo dalla luce.

Capacità di stimolo emozionale:
Ritenuto da sempre “Il fiore dei fiori” quasi a voler sottolineare la sua delicatezza e dolcezza, lo ylang ylang vanta proprietà di sicuro interesse. Il suo aroma dolce e suadente, dalle indiscutibili proprietà afrodisiache, scioglie tensioni sia fisiche che emotive creando atmosfere dove il contatto e la comunicazione devono regnare sovrani. In realtà l’erotismo espresso da questo aroma lo rende particolarmente indicato in individui con carenza di libido e/o affetti da frigidità ed impotenza (non patologica). La sua azione euforizzante, ma allo stesso tempo calmante e rilassante, ne fa una vera essenza da collezione. Nulla meglio di un caldo bagno con dell’ylang ylang vi potrà distendere e rendere disponibili ad un incontro.

Altri usi:
L’olio essenziale di ylang-ylang è soprattutto usato in campo profumiero, sia per la sua nota caratteristica che per la sua elevata capacità fissativa. Si impiega quindi in profumi di alta classe floreali ed esotici ed in eau de toilette. Ovviamente il suo utilizzo, dati i costi, viene differenziato a seconda delle qualità: la extra e la I per gli impieghi di cui sopra, mentre la II e la III si utilizzano in cosmesi e nella preparazione di saponi. Si usa anche nella preparazione di elisir, dentifrici, in miscela con altre essenze, nella preparazione di bevande e di dolci ad aroma fruttato.

Precauzioni e controindicazioni all’uso:
Non è tossico, non irrita, ma sono possibili fenomeni di sensibilizzazione. A causa del suo aroma intenso può causare nausea e cefalea, usare quindi con moderazione.

Annotazioni storico-culturali:
Il suo nome significa, in lingua filippina, “fiore dei fiori”. Solo questa informazione è sintomo della considerazione riposta verso questo profumato fiore. Raramente si trovano profumi più dolcemente floreali di questo. Nelle zone di appartenenza il suo uso si è da sempre caricato di valenze emozionali legate alla sfera sessuale.In Indonesia è tradizione appunto, di spargerne i petali sul letto nuziale per la prima notte di nozze. Sono inoltre riconosciute le sue proprietà benefiche per la pelle e per i capelli. Le ragazze delle Mollucche usano preparare un balsamo fatto con i petali di ylang-ylang macerati al sole in olio di cocco e con esso si cospargono i capelli. In Europa questo preparato è arrivato a noi tramite gli imperi coloniali, sotto forma di “Olio di Macassar”, come curativo dei capelli e stimolante della loro crescita.

Armonizzazioni con altri oli essenziali:
Bergamotto, gelsomino Egitto, neroli, rosa damascena, salvia sclarea, sandalo India (legno).

Contenuto Confezione:
Flacone  munito di dosatore contagocce

Bibliografia: Zuccari

Categorie: ,
Comparatore